<$BlogRSDUrl$>

1.6.03

E para variar, dois poemas a sério:

Quella ghirlanda che la bella fronte
cingeva di color tra perle e grana,
Sennuccio mio, pàrveti cosa umana
o d'angeliche forme al mondo gionte?

Vedestù l'atto, e quelle chiome conte,
che spesso il cor mi morde e mi risana?
vedestù quel piacer che m'allontana
d'ogni vile pensier ch'al cor mi monte?

Udistù 'l suon de le dolci parole?
Mirastù quell'andar leggiadro altero
dietro a chi ò disviati i pensier' miei?

Soffristù 'l guardo invidïoso al sole?
Or sai per ch'io ardo vivo e spero,
ma non non so dimandar quel ch'io vorrei.

Petrarca

Quando talor, da giusta ira commosso,
de l'usata humiltà pur mi disarmo
(dico la sola vista, et lei stessa armo
di poco sdegno, ché d'assai non posso),

ratto mi giugne una più forte adosso
per far di me, volgendo gli occhi, un marmo,
simile a que' per cui le spalle et l'armo
Hercole pose a la gran soma e 'l dosso.

Allor però che da le parti extreme
la mia sparsa vertù s'assembla al core,
per consolarlo, che sospira et geme,

ritorna al volto il suo primo colore;
ond'ella per vergogna si riteme
di provar poi sua forza in un che more.

Petrarca

Arquivos

This page is powered by Blogger. Isn't yours?